LICEO COREUTICO QUADRIENNALE

LICEO COREUTICO QUADRIENNALE

Il nuovo percorso coreutico, che rientra nel quadro della sperimentazione nazionale dei licei quadriennali, inizierà a settembre 2018.

Sono ammessi alla frequenza del liceo quadriennale le studentesse e gli studenti non anticipatari e non ripetenti che abbiano scelto il liceo quadriennale come prima opzione in fase di iscrizione, e che abbiano superato la prova di ammissione (che si terrà il 10 febbraio 2017) collocandosi nei primi 25 posti della graduatoria stilata in quell'occasione dai docenti dell'Accademia Nazionale di Danza di Roma.

CRITERI DI PRIORITÁ INDICATI DAL CONSIGLIO DI ISTITUTO

         Al percorso liceale coreutico si accede previa audizione di specifica commissione d’esame dell’Accademia Nazionale di Danza, supervisore scientifico del progetto, con la quale il liceo Tito Livio ha stipulato apposita convenzione. Per il percorso di liceo quadriennale gli studenti dovranno fare specifica richiesta, in fase di iscrizione, per la frequenza al corso quadriennale e, a seguito del superamento dell’esame di ammissione, saranno ammessi alla frequenza del percorso quadriennale i primi studenti utilmente posizionati nella graduatoria stilata dalla commissione. I parametri d’accesso, previsti al livello nazionale, e recepiti nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa del liceo, sono i seguenti:

L’accesso al I anno del Liceo Musicale Coreutico – sezione Coreutica - prevede necessariamente il possesso del Diploma di Licenza Media e di caratteristiche fisiche unitamente a una preparazione tecnica che rendano possibile all’alunno, alla fine del quadriennio di studi coreutici, il requisito qualitativo per l’ingresso all’alta formazione coreutica.

A tal proposito l’alunno deve dimostrare di aver già acquisito relativamente alle tecniche della danza le seguenti competenze:

 Postura in asse e bilanciata;

 Impostazione esatta e simmetrica delle gambe, dei piedi, delle braccia, dellemani e della testa;

 Adeguata capacità di orientamento nello spazio;

 Sviluppato senso ritmico.

 

E relativamente alle conoscenze tecniche specifiche:

 

 Abilità di base alla sbarra e al centro;

Esatta costruzione di tutte le pose piccole e grandi con l’ alternanza dellestesse in equilibrio su una sola gamba;

Competenza tecnica dei passi principali relativi alle programmazioni di I,II e III corso dell’Accademia Nazionale di Danza di Roma;

Coordinamento e combinazione dei passi principali relativamente al salto,alle batterie e agli esercizi sulle punte.

 

 CURRICULUM

Le discipline insegnate e il monte-ore totale corrispondono a quelli del liceo coreutico quinquennale, ma diversi sono gli orari di frequenza, per consentire il completamento del programma di studio con un anno di anticipo.

Per questo motivo, le lezioni si terranno dal 3 settembre all'8 giugno, dal lunedì al venerdì per otto ore al giorno (dalle ore 8,10 alle ore 16,10), per un totale di 40 ore settimanali.

 

disciplina

I anno

II anno

III anno

IV anno

Lingua e cultura italiana

5

5

Lingua e cultura straniera (inglese)

4

4

3

Storia del teatro e dello spettacolo

-

Storia e geografia

3

3

-

-

Filosofia

-

-

3

3

Storia

-

-

3

3

Matematica*

3

3

3

3

Fisica

-

-

3

3

Scienze*

2

2

-

-

Storia dell’arte

3

3

2

2

IRC

1

1

1

1

Storia della danza

-

2

2

2

Storia della musica

-

1

1

1

Tecniche della danza

10

10

10

10

Laboratorio coreutico

6

2

-

-

Laboratorio coreografico

-

2

3

4

Teoria e pratica mus. per la danza

2

2

-

-

TOTALE

39

40

40

40

 

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

N.B. È previsto l’insegnamento, in lingua straniera, di una disciplina non linguistica (CLIL) compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori a partire dal terzo anno di corso: storia della danza, storia del teatro e storia della musica

 

AZIONI DI VALORIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ LABORATORIALI NELLE DISCPLINE COREUTICHE E DELL’UTILIZZO DELLE TECNOLOGIE DIDATTICHE INNOVATIVE PER L’ACQUISIZIONE DI SPECIFICHE COMPETENZE DISCIPLINARI E DI COMPETENZE TRASVERSALI, ANCHE ATTRAVERSO DIVERSE ARTICOLAZIONI DEL GRUPPO CLASSE:

 

  1. Affinamento delle tecniche specifiche, nel secondo biennio, prevedendo la divisione delle classi maschili da quelle femminili per le discipline coreutiche, mediante il coinvolgimento di figure professionali esterne all’istituto.
  2. Fusione tra la didattica tradizionale di derivazione russa (Vaganova - Tarasov) alle metodologie italiane con riferimento alle scoperte medico-scientifiche moderne applicate secondo i principi dell’Accademia Nazionale di danza di Roma.
  3. Attuazione di corsi extra curricolari pomeridiani, volti al potenziamento delle tecniche della danza, che hanno per oggetto di studio discipline quali: Tecnica di Passo a Due, per l’approccio alla tecnica del lift (alzate) e delle tecniche codificate di base tramite lo studio dei movimenti in coppia, Tecnica Maschile, Tecnica di Punte, Tecniche di supporto quali Gyrotonic e Pilates con macchinari innovativi capaci di potenziare le performances dei danzatori.
  4. Collaborazioni sul territorio con i principali teatri italiani e con i coreografi emergenti e di fama al fine di consentire all’allievo di avere una buona conoscenza della pratica di palcoscenico e concorrere in modo sostanziale alla sua formazione professionale.
  5. Utilizzo del video durante le lezioni quotidiane come strategia per velocizzare l’apprendimento e la consapevolezza di sè nei gesti e nei movimenti della danza. All’utilizzo della telecamera seguirà un momento di analisi e discussione al fine di verificare ed indirizzare l’allievo verso la giusta strategia di correzione degli errori.
  6. Possibilità di ipotizzare una Junior Dance Company della scuola che, tramite audizione, permetterà di individuare i talenti emergenti dell’istituto, e di potenziare le eccellenze permettendo agli allievi di studiare quello che diventerà il repertorio della scuola.
  7. Attività di Alternanza Scuola Lavoro in grado di permettere che gli studenti possano conoscere da vicino le realtà lavorative sul territorio Italiano collaborando non solo in termini di danzatore, ma anche come critico di danza, organizzatore di eventi di danza, fisioterapista etc..
  8. Istituzione di uno Sportello di Fisioterapia con lo scopo di prevenire infortuni e/o indirizzare lo studente verso una cura efficace e una rapida guarigione qualora dovesse incombere in danni temporanei o gravi.
  9. Istituzione di un percorso di educazione alimentare che guidi gli studenti verso un sano e consapevole stile di vita prevenendo e lottando contro i fenomeni di bulimia e anoressia

CODICE DI COMPORTAMENTO- LICEO COREUTICO:

il codice precisa alcuni comportamenti che favoriscono lo svolgersi armonico delle performances artistiche nella danza.

MODULISTICA

1. All’atto dell’iscrizione definitiva, nel mese di luglio, dovranno essere consegnati presso la Segreteria dell’Istituto tutti i moduli e la documentazione richiesta, incluso il certificato medico di sana e robusta costituzione fisica per attività sportiva non agonistica (più eventuale certificazione medica di approfondimento, se necessario).

SALUTE DELLO STUDENTE

2. Genitori e studenti si impegnano a comunicare prontamente alla Segreteria e ai docenti delle discipline coreutiche, anche nel corso dell’anno scolastico qualora fosse necessario, ogni informazione in merito allo stato di salute dello studente, nonché ad ogni suo eventuale problema, depositando presso la Segreteria dell’Istituto copia della certificazione medica.

3. Gli alunni potranno occasionalmente e per motivi di indisposizione lieve non partecipare a lavoro

pratico solo dietro presentazione al docente di una giustificazione scritta sul libretto, firmata da un

genitore. Gli alunni che presentano invece problemi di salute che impediscano loro la frequenza

attiva alle lezioni per un periodo prolungato, dovranno presentare esonero (anche parziale) allegando certificato medico che dovrà indicare l’esatto periodo di astensione dal lavoro pratico.

In entrambi i casi gli alunni parteciperanno comunque alle lezioni e svolgeranno attività di prelievo

e/o consegna del materiale, compiti di controllo, assistenza o infine di collaborazione con l’insegnante che potrà valutare queste attività. A ciascun alunno, infine, si richiede non solo di osservare il presente regolamento, ma anche di segnalare al proprio insegnante qualunque tipo di infortunio, anche lieve. Qualora per infortunio fosse necessario il ricorso al Pronto Soccorso, è obbligatorio presentare in segreteria, entro 24 ore, il certificato rilasciato dall’ospedale per poter avviare ed esplicare le procedure assicurative

ACCONCIATURA E ACCESSORI ALL’INTERNO DELL’ISTITUTO

4. I capelli devono essere sempre rigorosamente raccolti: con lo chignon, eseguito a regola d’arte già dalla mattina, per la danza classica, con la coda/treccia per la danza contemporanea.

5. Non è ammesso indossare orecchini, bracciali, orologi, collane, piercing ecc. durante le lezioni di danza.

6. Se possibile, evitare l’uso di occhiali da vista. E’ preferibile l’utilizzo di lenti a contatto.

ABBIGLIAMENTO IN SALA DI DANZA

7. Per le lezioni di danza classica è ammesso indossare soltanto: calze rosa integre e senza riga, body (divisa del corso), scarpette da mezza punta/punta. Durante l’inverno è ammesso indossare lo scalda cuore o la tuta di lana intera scelta dai docenti.

8. Per le lezioni di danza contemporanea è ammesso indossare i seguenti indumenti: body (divisa del corso), leggings neri o calze nere tagliate, maglia nera a maniche lunghe.

CAMBIO DI AULA

9. Sarebbe opportuno che gli studenti entrassero negli spogliatoi con qualche minuto di anticipo alla lezione.

10. Sono consentiti soltanto 10 minuti necessari per il cambio di abiti negli spogliatoi e il cambio d’aula.

RISPETTO DELLE AULE DI DANZA, DEGLI SPOGLIATOI E DEI LOCALI DELL’ISTITUTO

11. È vietato attraversare le aule di danza con calzature da esterno.

12. Le aule e gli spogliatoi vanno lasciati puliti e ordinati.

13. Ogni effetto personale lasciato nelle aule e negli spogliatoi sarà custodito per un mese ed in seguito, se non richiesto, cestinato.

14. È permesso uscire dalle sale di danza e dagli spogliatoi soltanto con abbigliamento quotidiano o indossando la tuta di rappresentanza.

 

PROGETTI EXTRASCOLASTICI

15. La partecipazione a progetti extrascolastici, prove e spettacoli, stages, organizzati dalla Scuola nel corso dell’anno scolastico e a fine anno, è parte integrante del percorso didattico.

FREQUENZA CONTESTUALE DI LEZIONI PRESSO SCUOLE DI DANZA E PARTECIPAZIONE A CONCORSI

16. Le famiglie e gli studenti debbono comunicare, all’atto dell’iscrizione a ogni anno del corso, l’eventuale iscrizione alle lezioni di altra scuola privata di Danza.

17. Alle famiglie che desiderano iscrivere il loro figlio/a ad un concorso, è chiesto di darne comunicazione, con un congruo anticipo, ai docenti di discipline coreutiche allo scopo di permettere la valutazione dell’opportunità della partecipazione al concorso stesso e la comunicazione del conseguente parere.